Jump to content
borgo94n1

è giusto prendersela con Dio?

Recommended Posts

Non ho letto i millemila post perchè sono stanco, ma voglio dire cosa ne penso.

 

Se Dio esiste, è cattivo.

 

Vi spiego:

 

Perchè un "Dio" buono e onnipotente come il nostro avrebbe dovuto creare alcuni brutti, alcuni belli, alcuni buoni, alcuni cattivi? (Il carattere dipende anche dalle disposizioni naturali, che in parte possono essere annullate per mezzo dell'ambiente e del discorso, come diceva Aristotele).

Perchè avrebbe dovuto creare gli uomini per le donne, le donne per gli uomini, il desiderio di avere rapporti con l'altro sesso, per poi vietarli se praticati con scopi di puro piacere personale?

Molti dicono che il male è semplicemente assenza di bene, ma perchè Dio non ha rifornito di bene ogni angolo della realtà? 

 

 

Perchè schiacciamo i ragni e le formiche? Forse ci sono altre cose ben più grandi che potrebbero schiacciare anche noi, ma non ne siamo a conoscenza come gli insetti che nascono e muoiono sotto terra non sono a conoscenza della nostra esistenza.

Non avete pensato che forse noi siamo semplici animali, e non esseri definiti con arroganza "dotati di ragione"? E se esistessero valori più grandi della ragione, ma che noi non conosciamo, perchè non siamo in grado di conoscerli come gli insetti non sono in grado di riconoscere i nostri?

O siamo un giocattolo di Dio, O Dio non esiste e noi siamo parte di qualcosa di grandissimo e indescrivibile generato da una semplice reazione chimica, ma non siamo la parte superiore.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non ho letto i millemila post perchè sono stanco, ma voglio dire cosa ne penso.

 

Se Dio esiste, è cattivo.

 

Vi spiego:

 

Perchè un "Dio" buono e onnipotente come il nostro avrebbe dovuto creare alcuni brutti, alcuni belli, alcuni buoni, alcuni cattivi? (Il carattere dipende anche dalle disposizioni naturali, che in parte possono essere annullate per mezzo dell'ambiente e del discorso, come diceva Aristotele).

Perchè avrebbe dovuto creare gli uomini per le donne, le donne per gli uomini, il desiderio di avere rapporti con l'altro sesso, per poi vietarli se praticati con scopi di puro piacere personale?

Molti dicono che il male è semplicemente assenza di bene, ma perchè Dio non ha rifornito di bene ogni angolo della realtà? 

 

 

Perchè schiacciamo i ragni e le formiche? Forse ci sono altre cose ben più grandi che potrebbero schiacciare anche noi, ma non ne siamo a conoscenza come gli insetti che nascono e muoiono sotto terra non sono a conoscenza della nostra esistenza.

Non avete pensato che forse noi siamo semplici animali, e non esseri definiti con arroganza "dotati di ragione"? E se esistessero valori più grandi della ragione, ma che noi non conosciamo, perchè non siamo in grado di conoscerli come gli insetti non sono in grado di riconoscere i nostri?

O siamo un giocattolo di Dio, O Dio non esiste e noi siamo parte di qualcosa di grandissimo e indescrivibile generato da una semplice reazione chimica, ma non siamo la parte superiore.

Non è scontato che se Dio esista allora sia cattivo.

Facciamo una metafora con la programmazione, se io(Dio) creassi un "simulatore" di un universo e dentro ci metto degli umani-virtuali, questo mi identificherebbe come cattivo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non è scontato che se Dio esista allora sia cattivo.
Facciamo una metafora con la programmazione, se io(Dio) creassi un "simulatore" di un universo e dentro ci metto degli umani-virtuali, questo mi identificherebbe come cattivo?

se crei esseri senzienti con la capacità di provare dolore, e in detta simulazione fai in modo che il dolore sia una costante, io ti definerei almeno birbante.

Inviato dal mio LG-E460 utilizzando Tapatalk
  • Like 5

Share this post


Link to post
Share on other sites

se crei esseri senzienti con la capacità di provare dolore, e in detta simulazione fai in modo che il dolore sia una costante, io ti definerei almeno birbante.

Inviato dal mio LG-E460 utilizzando Tapatalk

appunto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non ho letto i millemila post perchè sono stanco, ma voglio dire cosa ne penso.

 

Se Dio esiste, è cattivo.

 

Vi spiego:

 

Perchè un "Dio" buono e onnipotente come il nostro avrebbe dovuto creare alcuni brutti, alcuni belli, alcuni buoni, alcuni cattivi? (Il carattere dipende anche dalle disposizioni naturali, che in parte possono essere annullate per mezzo dell'ambiente e del discorso, come diceva Aristotele).

Perchè avrebbe dovuto creare gli uomini per le donne, le donne per gli uomini, il desiderio di avere rapporti con l'altro sesso, per poi vietarli se praticati con scopi di puro piacere personale?

Molti dicono che il male è semplicemente assenza di bene, ma perchè Dio non ha rifornito di bene ogni angolo della realtà? 

 

 

Perchè schiacciamo i ragni e le formiche? Forse ci sono altre cose ben più grandi che potrebbero schiacciare anche noi, ma non ne siamo a conoscenza come gli insetti che nascono e muoiono sotto terra non sono a conoscenza della nostra esistenza.

Non avete pensato che forse noi siamo semplici animali, e non esseri definiti con arroganza "dotati di ragione"? E se esistessero valori più grandi della ragione, ma che noi non conosciamo, perchè non siamo in grado di conoscerli come gli insetti non sono in grado di riconoscere i nostri?

O siamo un giocattolo di Dio, O Dio non esiste e noi siamo parte di qualcosa di grandissimo e indescrivibile generato da una semplice reazione chimica, ma non siamo la parte superiore.

Mi sa che ho già risposto a queste cose.

 

Non mi ripeto su ciò che penso io , perchè ho già scritto risposte varie e non riscrivo quello che ho già scritto, ma rispondendo a questo post.

 

1 Prima di tutto moralismo a parte, la bellezza è una cosa soggettiva, ma molto, ci sono poi in base alle epoche e alle colture, quello che la maggior parte delle persone definisce "bello", ad esempio oggi molti per bellezza intendono le "modelle" magre, con seno prosperoso ecc., però nelle varie epoche "il concetto di bellezza" è cambiato continuamente, e dipende appunto anche dalle colture, agli Atenesi avevano un senso di bellezza gli Spartani un'altro, inoltre indipendentemente dalla definizione di bellezza nella collettività, la bellezza rimane soggettiva anche singolarmente, dato che anche se magari sono rari, io vedo ragazzi e anche ragazze obese che sono fidanzati, poi non conta solamente la bellezza fisica, e molte volte tra l'altro la bellezza dipende anche dalla cura che abbiamo di noi stessi (se ci pettiniamo o meno ecc.), ma anche come ci vestiamo, come ci poniamo ecc., io sono stato sia offeso che elogiato per il mio aspetto, ma sinceramente quel che conta è quel che penso io, o al massimo le persone a me vicine.

 

2 Nessuno viene creato buono o cattivo, quella e una credenza di chi crede nella predestinazione, l'uomo ha libera scelta di scegliere il bene, oppure scegliere l'egoismo e il male (qui poi potrei dilungarmi, ma sul bene, male, e quello che c'è scritto nella Bibbia, stiamo qui a discuterne fino a domani)

 

3 Sul fatto del sesso non sono un teologo, e devo ancora finire di leggere la Bibbia nel nuovo testamento, quello che dico sempre io è distinguere quello che c'è scritto nella Bibbia, e quello che invece è "l'interpretazione della chiesa cattolica" (tipo purgatorio, trinità, e altro), però Dio fa sempre tutto nell'amore e nella giustizia, quindi penso che se due persone si amano, non ci sia nulla di male.

 

Il sesso può essere visto negativamente se 1 c'è violenza da parte di una delle due parti 2 nel caso della prostituzione il lato "negativo" e che la prostituzione, un essere umano,  vende il suo corpo, e quindi non viene più considerata una persona ma un oggetto, e il male sta li (poi più avanti parlo della personalità, e spiego perchè per Dio siamo persone, e veniamo considerati singolarmente).

 

4 Devo ancora capire qual'è la parte "interpretata dalla chiesa" e invece "quella effettivamente presente nella Bibbia", ma il male è gestito da Satana, che era un angelo (forse un'arcangelo), che fu condannato agli inferi per la sua superbia (non volle inchinarsi all'uomo, che in quanto fatto a immagine e somiglianza di Dio, doveva essere servito dagli angeli se non sbaglio), e per tradimento (tradi Dio), e il motivo per cui esiste il male e che il libero arbitrio, è tale se c'è la presenza di una scelta, la scelta tra l'obbedire a Dio o il peccare, la prima disobbedienza e stata fatta da Adamo ed Eva in genesi, e poi anche più volte nella Bibbia, ed è la cattiverie dell'uomo che a portato disgrazia a se stesso, l'arrivo di Gesù è servito per insegnare che l'amore verso Dio e il prossimo è una delle cose più importanti, e per dare speranza a chi si trova nelle tenebre, sta all'uomo decidere se accettare questa salvezza o no.

 

5 Riguardo a quello, in Genesi la parola "Dio creo" c'è in 3 versetti, se non ricordo male sono l'1 il 21 e il 27, nell'1 c'è la creazione della materia (terra, mare, luce, ecc.), nel 21 la creazione dell'anima (gli animali, marini, terrestri e volatili) e nel 27 la creazione dello spirito (l'uomo)

 

Materia: tutto ciò che ha sostanza, ed è formato da elementi, liquidi, solidi e gassosi

 

Anima:quello che hanno gli animali in più della materia, gli istinti, quindi, l'istinti di mangiare, l'istinto materno, l'istinto di formare un branco, l'istinto di sopravvivenza, ecc., gli animali non hanno una possibilità di scelta, se hanno fame mangiano, se si devono riprodurre si riproducono, se si sentono aggrediti si difendono ecc. poi dipende anche da come vengono educati (ma cmq hanno subito un'influenza esterna, e loro non hanno volontà di scegliere), riguardo allo schiacciare formiche ecc., secondo la Bibbia, nel caso degli animali, quello che conta è la sopravvivenza della razza (secondo la Bibbia perchè se Dio li ha messi ci sarà un motivo, secondo la scienza perchè se tutte la api morissero sarebbero cazzi), ma se noi schiacciamo una formica non ha importanza, poi c'è da dire che cmq le formiche anche senza la minaccia dell'uomo, vivono poco, sono continuamente minacciate, ma la loro riproduzione elevata, li permette di sopravvivere in un ambiente tanto ostile per la loro "debolezza".

 

Spirito: quello che l'uomo possiede in più, rispetto alla materia e agli animali, l'uomo ha la volontà, può scegliere tra bene e male, possiede gli istinti ma può dominarli, si dice (non so se sia vero), che l'uomo con la volontà può arrivare a morire di fame anche se possiede il cibo (mentre una animale se ha fame mangia e basta), inoltre l'uomo possiede la personalità, e quindi Dio ama ogni singolo uomo, ed ogni singola persona è importante (inoltre sembra che l'uomo sia l'unica razza, che ha un'aspetto molto diversificato dai suoi simili, questo perchè l'uomo non avendo un olfatto sviluppato, farebbe fatica a distinguere i suoi simili), quindi quando preghiamo Dio ascolta chiunque, e lui ci conosce più di noi stessi (chiamasi onniscenza) e risolverà i nostri problemi in base alla sua onniscenza.

 

Salmo 50:15 e invocami nel giorno della distretta: io te ne trarrò fuori, e tu mi glorificherai.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi sa che ho già risposto a queste cose.

 

Non mi ripeto su ciò che penso io , perchè ho già scritto risposte varie e non riscrivo quello che ho già scritto, ma rispondendo a questo post.

 

1 Prima di tutto moralismo a parte, la bellezza è una cosa soggettiva, ma molto, ci sono poi in base alle epoche e alle colture, quello che la maggior parte delle persone definisce "bello", ad esempio oggi molti per bellezza intendono le "modelle" magre, con seno prosperoso ecc., però nelle varie epoche "il concetto di bellezza" è cambiato continuamente, e dipende appunto anche dalle colture, agli Atenesi avevano un senso di bellezza gli Spartani un'altro, inoltre indipendentemente dalla definizione di bellezza nella collettività, la bellezza rimane soggettiva anche singolarmente, dato che anche se magari sono rari, io vedo ragazzi e anche ragazze obese che sono fidanzati, poi non conta solamente la bellezza fisica, e molte volte tra l'altro la bellezza dipende anche dalla cura che abbiamo di noi stessi (se ci pettiniamo o meno ecc.), ma anche come ci vestiamo, come ci poniamo ecc., io sono stato sia offeso che elogiato per il mio aspetto, ma sinceramente quel che conta è quel che penso io, o al massimo le persone a me vicine.

 

2 Nessuno viene creato buono o cattivo, quella e una credenza di chi crede nella predestinazione, l'uomo ha libera scelta di scegliere il bene, oppure scegliere l'egoismo e il male (qui poi potrei dilungarmi, ma sul bene, male, e quello che c'è scritto nella Bibbia, stiamo qui a discuterne fino a domani)

 

3 Sul fatto del sesso non sono un teologo, e devo ancora finire di leggere la Bibbia nel nuovo testamento, quello che dico sempre io è distinguere quello che c'è scritto nella Bibbia, e quello che invece è "l'interpretazione della chiesa cattolica" (tipo purgatorio, trinità, e altro), però Dio fa sempre tutto nell'amore e nella giustizia, quindi penso che se due persone si amano, non ci sia nulla di male.

 

Il sesso può essere visto negativamente se 1 c'è violenza da parte di una delle due parti 2 nel caso della prostituzione il lato "negativo" e che la prostituzione, un essere umano,  vende il suo corpo, e quindi non viene più considerata una persona ma un oggetto, e il male sta li (poi più avanti parlo della personalità, e spiego perchè per Dio siamo persone, e veniamo considerati singolarmente).

 

4 Devo ancora capire qual'è la parte "interpretata dalla chiesa" e invece "quella effettivamente presente nella Bibbia", ma il male è gestito da Satana, che era un angelo (forse un'arcangelo), che fu condannato agli inferi per la sua superbia (non volle inchinarsi all'uomo, che in quanto fatto a immagine e somiglianza di Dio, doveva essere servito dagli angeli se non sbaglio), e per tradimento (tradi Dio), e il motivo per cui esiste il male e che il libero arbitrio, è tale se c'è la presenza di una scelta, la scelta tra l'obbedire a Dio o il peccare, la prima disobbedienza e stata fatta da Adamo ed Eva in genesi, e poi anche più volte nella Bibbia, ed è la cattiverie dell'uomo che a portato disgrazia a se stesso, l'arrivo di Gesù è servito per insegnare che l'amore verso Dio e il prossimo è una delle cose più importanti, e per dare speranza a chi si trova nelle tenebre, sta all'uomo decidere se accettare questa salvezza o no.

 

5 Riguardo a quello, in Genesi la parola "Dio creo" c'è in 3 versetti, se non ricordo male sono l'1 il 21 e il 27, nell'1 c'è la creazione della materia (terra, mare, luce, ecc.), nel 21 la creazione dell'anima (gli animali, marini, terrestri e volatili) e nel 27 la creazione dello spirito (l'uomo)

 

Materia: tutto ciò che ha sostanza, ed è formato da elementi, liquidi, solidi e gassosi

 

Anima:quello che hanno gli animali in più della materia, gli istinti, quindi, l'istinti di mangiare, l'istinto materno, l'istinto di formare un branco, l'istinto di sopravvivenza, ecc., gli animali non hanno una possibilità di scelta, se hanno fame mangiano, se si devono riprodurre si riproducono, se si sentono aggrediti si difendono ecc. poi dipende anche da come vengono educati (ma cmq hanno subito un'influenza esterna, e loro non hanno volontà di scegliere), riguardo allo schiacciare formiche ecc., secondo la Bibbia, nel caso degli animali, quello che conta è la sopravvivenza della razza (secondo la Bibbia perchè se Dio li ha messi ci sarà un motivo, secondo la scienza perchè se tutte la api morissero sarebbero cazzi), ma se noi schiacciamo una formica non ha importanza, poi c'è da dire che cmq le formiche anche senza la minaccia dell'uomo, vivono poco, sono continuamente minacciate, ma la loro riproduzione elevata, li permette di sopravvivere in un ambiente tanto ostile per la loro "debolezza".

 

Spirito: quello che l'uomo possiede in più, rispetto alla materia e agli animali, l'uomo ha la volontà, può scegliere tra bene e male, possiede gli istinti ma può dominarli, si dice (non so se sia vero), che l'uomo con la volontà può arrivare a morire di fame anche se possiede il cibo (mentre una animale se ha fame mangia e basta), inoltre l'uomo possiede la personalità, e quindi Dio ama ogni singolo uomo, ed ogni singola persona è importante (inoltre sembra che l'uomo sia l'unica razza, che ha un'aspetto molto diversificato dai suoi simili, questo perchè l'uomo non avendo un olfatto sviluppato, farebbe fatica a distinguere i suoi simili), quindi quando preghiamo Dio ascolta chiunque, e lui ci conosce più di noi stessi (chiamasi onniscenza) e risolverà i nostri problemi in base alla sua onniscenza.

 

Salmo 50:15 e invocami nel giorno della distretta: io te ne trarrò fuori, e tu mi glorificherai.

La bellezza è una cosa soggettiva, va bene. Ma dunque perchè Dio ha creato il pensiero soggettivo riguardo la bellezza (ok forse non ha creato tutto, ma essendo onnipotente potrebbe anche aggiustare qualcosina), e quindi indotto le persone a respingere altre persone soggettivamente brutte?

 

Perchè avrebbe dovuto permettere ad un Angelo di assumere tanto potere? Perchè dovrebbe permettere all'uomo di scegliere il male, in modo tale da disturbare anche chi sceglie il bene?

Share this post


Link to post
Share on other sites

La bellezza è una cosa soggettiva, va bene. Ma dunque perchè Dio ha creato il pensiero soggettivo riguardo la bellezza (ok forse non ha creato tutto, ma essendo onnipotente potrebbe anche aggiustare qualcosina), e quindi indotto le persone a respingere altre persone soggettivamente brutte?

 

Perchè avrebbe dovuto permettere ad un Angelo di assumere tanto potere? Perchè dovrebbe permettere all'uomo di scegliere il male, in modo tale da disturbare anche chi sceglie il bene?

Mai sentito dire di libero arbitrio?

Share this post


Link to post
Share on other sites

La bellezza è una cosa soggettiva, va bene. Ma dunque perchè Dio ha creato il pensiero soggettivo riguardo la bellezza (ok forse non ha creato tutto, ma essendo onnipotente potrebbe anche aggiustare qualcosina), e quindi indotto le persone a respingere altre persone soggettivamente brutte?

 

Perchè avrebbe dovuto permettere ad un Angelo di assumere tanto potere? Perchè dovrebbe permettere all'uomo di scegliere il male, in modo tale da disturbare anche chi sceglie il bene?

 

Vorrei potere fare una discussione approfondita e chiara, purtroppo le cose troppo semplici non convincono, e quelle complesse sono troppo lunghe da scrivere.

 

Le scelte che ha fatto Dio sono sempre giuste anche quando a noi sembrano incomprensibili, ma a volte pensandoci si trovano le motivazioni, la soggettività in qualsiasi cosa, serve perchè l'uomo si distingua, perchè se il mondo fosse tutto uguale a parte la noia, ma la diversità arricchisce e porta al progresso, se tutti la pensassero sempre allo stesso modo non cambierebbe mai nulla, 3000 anni fa la in Israele la gente andava in giro a piedi nudi o coi sandali, con mantelli, ecc., adesso ci vestiamo in tutt'altro modo, questo è un esempio, ma si può applicare la cosa all'architettura, all'arte, alla politica, e tante altre cose, le cose sono fatte in un certo modo, finchè qualcun'altro nella sua soggettività, propone un'alternativa migliore che poi viene adottata da tutti, inoltre spesso le persone che emarginano e offendono gli altri non sono persone "tanto buone", quindi uno deve cercare fiducia in se stesso e trovare persone intelligenti che lo accettano per quello che è, sono gli uomini che decidono di fare il male nei confronti di chi è diverso da loro, a livello  ideologico, fisico, ecc., seguire gli insegnamenti di Dio significa anche accettare le differenze altrui, e non avere pregiudizi sugli altri, poi proprio perchè la bellezza è soggettiva, si troverà quasi sempre una persona che ci trova belli e viceversa.

 

Satana rappresenta il male, e diventa potente solo se l'uomo gli l'ho permette, Gesù (che è Dio), è morto ed è andato negli inferi dov'è ha affrontato Satana, poi è resuscitato e poi è Asceso in cielo, il suo sacrificio in Croce è servito 1 A sacrificarsi e prendere su di se tutti i peccati degli uomini, per dimostrare agli uomini il suo amore 2 perchè satana per quanto potente, è sconfitto se si ha fede in Dio, in quanto Dio è in ognuno di noi attraverso lo spirito santo, è quando si diventa credenti si "inizia una nuova vita" dove si cresce spiritualmente, e essendo umani capita a tutti di sbagliare anche al miglior credente, e allora chiediamo a Dio di perdonarci, per dimostrare che siamo pentiti, e che capendo che abbiamo fatto il male e abbiamo sbagliato cercheremo di non ripetere l'errore, e cercheremo invece di tendere al bene.

 

Romani 3 23-3 24 tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio, ma sono giustificati gratuitamente per la sua grazia, in virtù della redenzione realizzata da Cristo Gesù.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mai sentito dire di libero arbitrio?

Noi però non scegliamo di stare vicino a persone che hanno scelto il male

Share this post


Link to post
Share on other sites

Noi però non scegliamo di stare vicino a persone che hanno scelto il male

>il male è opera di Satana

>se scegli il male vai all'inferno contro la volontà di Dio

>se scegli il bene segui il volere di Dio e vai nel paradiso

>la terra non è il paradiso quindi è normale che ci sia il male

>>se soffri a causa degli altri sarai ricompensato alla fine

Matteo 5,3-12

[spoiler]

3 «Beati i poveri in spirito,
perché di essi è il regno dei cieli.
4 Beati gli afflitti,
perché saranno consolati.
5 Beati i miti,
perché erediteranno la terra.
6 Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia,
perché saranno saziati.
7 Beati i misericordiosi,
perché troveranno misericordia.
8 Beati i puri di cuore,
perché vedranno Dio.
9 Beati gli operatori di pace,
perché saranno chiamati figli di Dio.
10 Beati i perseguitati per causa della giustizia,
perché di essi è il regno dei cieli.
11 Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. 12 Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli. Così infatti hanno perseguitato i profeti prima di voi.

[/spoiler]

Share this post


Link to post
Share on other sites

>il male è opera di Satana

>se scegli il male vai all'inferno contro la volontà di Dio

>se scegli il bene segui il volere di Dio e vai nel paradiso

>la terra non è il paradiso quindi è normale che ci sia il male

>>se soffri a causa degli altri sarai ricompensato alla fine

Matteo 5,3-12

[spoiler]

3 «Beati i poveri in spirito,
perché di essi è il regno dei cieli.
4 Beati gli afflitti,
perché saranno consolati.
5 Beati i miti,
perché erediteranno la terra.
6 Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia,
perché saranno saziati.
7 Beati i misericordiosi,
perché troveranno misericordia.
8 Beati i puri di cuore,
perché vedranno Dio.
9 Beati gli operatori di pace,
perché saranno chiamati figli di Dio.
10 Beati i perseguitati per causa della giustizia,
perché di essi è il regno dei cieli.
11 Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. 12 Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli. Così infatti hanno perseguitato i profeti prima di voi.

[/spoiler]

Ah, io per ora penso alla felicità nella vita terrena. Perchè Dio dovrebbe tenere nascosto il paradiso? Perchè dovrebbe tenersi nascosto? Non potrebbe manifestarsi e toglierci le ansie? In modo tale da sopportare i mali sulla terra, essendo consapevoli che un giorno verremo ricompensati?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ah, io per ora penso alla felicità nella vita terrena. Perchè Dio dovrebbe tenere nascosto il paradiso? Perchè dovrebbe tenersi nascosto? Non potrebbe manifestarsi e toglierci le ansie? In modo tale da sopportare i mali sulla terra, essendo consapevoli che un giorno verremo ricompensati?

Solo che il nostro Dio vuole fare il misterioso e ovviamente vuole punirci anche in questo modo.
Alla fine, rimango sull'idea che la cosa più importante della nostra vita sia la "seconda vita".





Per ora, le uniche manifestazioni sono quelle di "persone che stavano per morire", ma sono solo vaccate.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ah, io per ora penso alla felicità nella vita terrena. Perchè Dio dovrebbe tenere nascosto il paradiso? Perchè dovrebbe tenersi nascosto? Non potrebbe manifestarsi e toglierci le ansie? In modo tale da sopportare i mali sulla terra, essendo consapevoli che un giorno verremo ricompensati?

La speranza è la base della religione lel.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mai sentito dire di libero arbitrio?


Mai fermato a pensare a cosa sia esattamente il libero arbitrio?

Ciao
Ian
  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ok rispondiamo un po a tutti.

 

Swordself, allora riguardo alla vita terrena ci sono 2 cose da dire 1 A prescindere dai dubbi, in questo mondo c'è il male, magari possiamo avere dubbi su quello che ci offre Dio, ma Dio ci offre una nuova vita, e tutto gratuitamente, senza pagare o fare riti ecc. (questo è scritto nella Bibbia, la salvezza è estesa a tutti gli uomini che hanno fede, tutti i pagamenti per andare dal purgatorio al paradiso, e robe cosi, sono uno sfruttamento da parte delle religioni, che dicendo di "interpretare la Bibbia" si allontanano dai suoi messaggi, Gesù stesso era stato molto severo coi farisei religiosi del suo tempo "con la vostra religione/tradizione avete annullato la parola di Dio" inoltre secondo un teologo oltre al fatto che Gesù offriva una nuova vita, ma non è mai venuto a fondare una religione (nel senso, con una gerarchia di sacerdoti, vescovi ecc.), le parole ebraiche hanno anche un valore numerico, e il valore numerico della parola religione in ebraico è 666 (poi purtroppo per esserne certi bisognerebbe conoscere l'ebraico, e saperne il valore numerico delle parole)) quindi indifferentemente dai dubbi, possiamo decidere di accettare il regalo che Dio ci ha fatto, ho possiamo anche decidere di non accettarlo, ma nel mondo le giustizie rimarranno comunque, quindi fidarci di Dio non ci costa nulla 2 com'è ho già scritto, noi possiamo chiedere aiuto anche nella vita terrena, attraverso la preghiera, se il credente ha un problema, può pregare (la preghiera come scrissi in passato, non è una lampada di Aladino dove esprimi desideri, è un dialogo tra l'uomo è Dio, quindi possiamo fare domande, chiedere aiuto, ringraziare, ecc., poi Dio ci risponderà a modo suo) e poi Dio ascoltata la nostra preghiera, risolverà il problema che abbiamo, ma a modo suo è con i suoi tempi ma lo risolverà, magari noi avevamo aggiunto l'odio nella nostra preghiera, e Dio risolverà la cosa nell'amore facendo le cose a modo suo essendo lui onniscente, ma il problema lo risolverà, poi dato che la missione del credente (che avendo avendo trovato Dio, ha trovato la felicità) e diffondere il vangelo (che vuol dire buona notizia) agli altri, in modo che tutti possano essere felici come lui, dovrà glorificare Dio, nel senso che se io prego Dio di aiutarmi in un impresa,  e riesco in quell'impresa più di quanto pensassi, non dirò "sono bravo io", ma dirò "che è stato Dio ad aiutarmi", questo è il salmo 50:15 e invocami nel giorno della distretta: io te ne trarrò fuori, e tu mi glorificherai.

 

lupo di  ghiaccio e agrius.

Che la sperenza sia in tutte le religioni è vero, però prima di tutto le 3 grandi religioni (ebraismo, cristianesimo e islam) alla fine credono nello stesso Dio (il Dio di Abramo), inoltre come ho scritto più volte, io credo che la parola di Dio sia quella scritta nella Bibbia, e credo che sia più un modo di vivere spirituale che una religione, dato che tutte le religioni cristiane, "interpretano" a modo loro la Bibbia, aggiungendo e togliendo cose (i cattolici stessi, da cui sono nate tutte le altre chiese cristiane), mentre la Bibbia uno dei motivi per cui penso che non sia stata scritta dall'uomo, è perchè tutte le religioni devono "interpretarla" per poter avere "potere religioso", in quanto se si seguisse solo la parola scritta nella Bibbia, tutti i credenti sarebbero parte della chiesa spirituale (e non un luogo fisico), non esisterebbero papi, vescovi, ecc., e non sarebbero mai esistite crociate, inquisizioni, e altre cose che esistono anche oggi.

 

Un esempio chiaro di come non si segue la Bibbia, e che fino a qualche secolo fa, l'adulterio da parte della donna, veniva punito con morte, ora a parte tutti i messaggi d'amore di Gesù, come si comporto Gesù con la donna adultera? mai sentito "chi è senza peccato scagli la prima pietra?", uno può avere fede o meno, ma se si seguissero le norme morali della Bibbia (e non quelle interpretate lo ribadisco), il mondo sarebbe migliore ora, e lo sarebbe stato nel medioevo e anche prima.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sempre considerato come la possibilità di scegliere il bene o il male.
*preparandomi a qualcosa che non posso ribattere*


Mai provato ad evitare di definire cose circolarmente? Prova a fare a meno di "scegliere", "decidere", "liberamente" e sinonimi vari, magari.

Ciao
Ian

Share this post


Link to post
Share on other sites

se crei esseri senzienti con la capacità di provare dolore, e in detta simulazione fai in modo che il dolore sia una costante, io ti definerei almeno birbante.

Inviato dal mio LG-E460 utilizzando Tapatalk

Nella vita non è costante il dolore.
 

2 Nessuno viene creato buono o cattivo, quella e una credenza di chi crede nella predestinazione, l'uomo ha libera scelta di scegliere il bene, oppure scegliere l'egoismo e il male (qui poi potrei dilungarmi, ma sul bene, male, e quello che c'è scritto nella Bibbia, stiamo qui a discuterne fino a domani)

E perché mai una persone dovrebbe scegliere il male?
 

nel caso della prostituzione il lato "negativo" e che la prostituzione, un essere umano,  vende il suo corpo, e quindi non viene più considerata una persona ma un oggetto, e il male sta li (poi più avanti parlo della personalità, e spiego perchè per Dio siamo persone, e veniamo considerati singolarmente).

Anche le modelle, i personaggi mediatici, gli sportivi e ogni persona che usa il proprio corpo per fare qualsiasi cosa che porta un guadagno allora sarebbe da considerare "un oggetto".
 

Anima:quello che hanno gli animali in più della materia, gli istinti, quindi, l'istinti di mangiare, l'istinto materno, l'istinto di formare un branco, l'istinto di sopravvivenza, ecc., gli animali non hanno una possibilità di scelta, se hanno fame mangiano, se si devono riprodurre si riproducono, se si sentono aggrediti si difendono ecc. poi dipende anche da come vengono educati (ma cmq hanno subito un'influenza esterna, e loro non hanno volontà di scegliere), riguardo allo schiacciare formiche ecc., secondo la Bibbia, nel caso degli animali, quello che conta è la sopravvivenza della razza (secondo la Bibbia perchè se Dio li ha messi ci sarà un motivo, secondo la scienza perchè se tutte la api morissero sarebbero cazzi), ma se noi schiacciamo una formica non ha importanza, poi c'è da dire che cmq le formiche anche senza la minaccia dell'uomo, vivono poco, sono continuamente minacciate, ma la loro riproduzione elevata, li permette di sopravvivere in un ambiente tanto ostile per la loro "debolezza".

1)Anche le piante allora hanno un "anima" avendo gli istinti da te citati.
2)Il fatto che le formiche siano tante o che si riproducano velocemente non è una scusante per ucciderle. Anche di cinesi c'è ne sono tanti ma non sono giustificato a ucciderli.
 

Spirito: quello che l'uomo possiede in più, rispetto alla materia e agli animali, l'uomo ha la volontà, può scegliere tra bene e male, possiede gli istinti ma può dominarli, si dice (non so se sia vero), che l'uomo con la volontà può arrivare a morire di fame anche se possiede il cibo (mentre una animale se ha fame mangia e basta), inoltre l'uomo possiede la personalità, e quindi Dio ama ogni singolo uomo, ed ogni singola persona è importante

L'uomo ha la volontà di decidere se mangiare o no perché HA un motivo per farlo.
Perché un animale dovrebbe decidere di non mangiare?
È grazie alla ragione dell'uomo se abbiamo la possibilità di decidere.
Inoltre, anche gli animali hanno una personalità proprio come noi, ogni comportamento animale è diverso(o per meglio dire non uguale) ad un altro.
 

(inoltre sembra che l'uomo sia l'unica razza, che ha un'aspetto molto diversificato dai suoi simili, questo perchè l'uomo non avendo un olfatto sviluppato, farebbe fatica a distinguere i suoi simili),

Eh?
 

quindi quando preghiamo Dio ascolta chiunque, e lui ci conosce più di noi stessi (chiamasi onniscenza) e risolverà i nostri problemi in base alla sua onniscenza.

Dio non risolve i problemi di tutti, credo sia ovvio.
[spoiler]10403571_739971859422902_273825183251928[/spoiler]

 

Alla fine, rimango sull'idea che la cosa più importante della nostra vita sia la "seconda vita".

Seconda vita?
 
 
Comunque ho una domanda per te, quali sono i requisiti per entrare in paradiso?

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.